Conferenza Nazionale Del FRANCHISING.

Conferenza Nazionale Del FRANCHISING.

📅19 giugno 2013, 12:18

Il mondo del Commercio riunito ieri in occasione dell’8ᵃConferenza Nazionale del Franchising, per dibattere congiuntamente di emergenze, nodi e soluzioni di questo settore strategico per l’Italia.  

Il presidente di Assofranchising Fiorelli (di fresco rinnovo), il presidente di Federdistribuzione Cobolli Gigli e quello di Confcommercio Sangalli, hanno presentato i numeri relativi ai rispettivi ambiti di competenza.

Un panorama generale di contrazione e regressione del quadro economico con una forte depressione dei consumi,quello emerso dai numeri e dagli interventi presentati, in cui tuttavia si inseriscono alcuni dati positivi per quanto concerne il franchising che negli ultimi 4 anni “orribili” ha mantenuto un segno positivo in termini di giro d’affari (+4,4%), punti vendita (+1,6%) e insegne operative in Italia (+14,1%), nonché, dato fondamentale, in termini di occupazione (+4,6%) con un indice molto alto per ciò che concerne due fasce critiche della popolazione come i giovani e le donne, per le quali è di grande attualità il problema occupazionale, al quale il franchising è in grado di dare risposte concrete, come dimostrano il 38% di tutti i negozi in franchising, che sono aperti da donne.

Un quadro economico che richiama con forza il “compito” che spetta alle istituzioni e alle politiche pubbliche.“Le prospettive di modernizzazione del sistema Italia e, con esso, del sistema distributivo sono ancora oggi ostacolate da un insieme di vincoli pubblici” –  ha spiegato il presidente Fiorelli  – “alcuni di sistema, altri più specifici. I vincoli di sistema sono sin troppo noti: : la burocrazia e i sovraccosti di ogni processo amministrativo. E poi le politiche di mobilità delle persone, e delle merci, davvero arretrate. Sovraccosti logistici e difficoltà per i consumatori a muoversi facilmente nei territori, e fra il territori. E poi, ovviamente il costo del lavoro e il fardello fiscale. Abbiamo un modello fiscale iniquo, insostenibile e obsoleto. Non oso neanche pensare al fatto che si prenda in considerazione l’aumento dell’IVA. Non voglio proprio crederci”. Ma il numero uno di Assofranchising non si ferma qui: “Purtroppo, ci troviamo di fronte a serissimi vincoli e ostacoli specifici per il nostro settore del franchising, mi riferisco alla legge 185/2000 che agevola l’autoimpiego, al sistema del credito e alle modalità di supporto all’internazionalizzazione”.

Richieste puntali cui fa eco il Presidente di Confcommercio Sangalli per il quale “è evidente che il problema strutturale della nostra economia è la debolezza della domanda interna che non potrebbe in alcun modo sopportare l’aumento dell’Iva perché se malauguratamente il Governo decidesse di confermare quest’aumento dal 1° luglio noi avremmo diversi effetti negativi: un’ulteriore contrazione dei consumi e un’ulteriore riduzione del Pil dello 0,1% con una perdita di 20mila posti di lavoro; la penalizzazione soprattutto delle famiglie meno abbienti che già adesso stentano ad arrivare a fine mese e hanno ridotto i consumi; altre chiusure di esercizi commerciali; un impatto sui prezzi con un aumento dello 0,3‐0,4% tra luglio e agosto, il cosiddetto effetto scalino. E’, quindi, necessario che l’Esecutivo risponda a questa emergenza. Contestualmente occorre individuare un percorso certo di riduzione della pressione fiscale su famiglie e imprese perché l’attuale livello di tassazione è incompatibile con qualsiasi concreta prospettiva di ripresa”.

Il presidente di Federdistribuzione Cobolli Gigli sottolinea come la Distribuzione Moderna Organizzata possa dare un contributo sostanziale alla ripresa del Paese attraverso i suoi investimenti e la sua capacità di creare occupazione, purché vengano garantiti alcuni elementi fondamentali: “Chiediamo che l’imprenditore commerciale possa gestire con libertà i suoi impianti e la sua attività e che nei mercati vi siano condizioni di reale concorrenza. Due principi sui quali non è accettabile alcun passo indietro e che devono inserirsi in un quadro economico che veda decise azioni del Governo in termini di riduzione del sistema impositivo per consumatori e imprese e di riforme strutturali, per dare nuova competitività al Paese e,soprattutto, per ridare slancio ai consumi. Senza ripresa della domanda interna non è infatti pensabile uscire dalla crisi. E’ lì che occorre puntare, poiché rappresenta il fattore di partenza e il motore di tutto, compresa la crescita occupazionale”.

Una prima risposta agli intervenuti e alla platea viene offerta per parte della politica da Bruno Tabacci, deputato del Centro Democratico: “La protesta sull’iva è all’ordine del giorno, il Governo sta facendo il possibile per scongiurarne l’aumento, ma le coperture che e’ chiamato a trovare Saccomanni devono essere vere non fittizie, credo che la serietà sia importante. Sono convinto comunque che alla fine l’Iva sarà rinviata e che si troveranno i due miliardi necessari. Poi però dovremo affrontare delle riforme strutturali e ci sarà necessità di trovare elementi concertati tra settori diversi”.  Tabacci conclude con un affondo a Berlusconi: “Non si può prescindere dall’Europa in quanto tale, pensare di poterlo fare è da velleitari. Diffidare dagli apprendisti stregoni. Silvio Berlusconi dice delle sciocchezze quando afferma di voler sforare sul 3%, è come se io quando ero assessore al Bilancio a Milano avessi detto sforiamo che tanto non ci cacciano. Senza contare poi che il fiscal compact origina dall’accordo dell’anticipo di bilancio voluto dal Governo Berlusconi nel pieno della temperie finanziaria del 2011


Share this article: