Enoteca VINOS&VIANDAS Valladolid Spagna.

Enoteca VINOS&VIANDAS Valladolid Spagna.

📅16 luglio 2018, 11:57
ENGLISH TEXT

Il progetto dello Studio Zooco per questa enoteca situata a Valladolid, è caratterizzato dalla successione di archi in legno che rievocano le volte delle vecchie cantine.
progetto enoteca vinos viandas valladolid spagna

Il design dello spazio, destinato alla mescita del vino e a tutti gli elementi che ruotano attorno alla degustazione di tale bevanda, è attraversato sia in direzione longitudinale che trasversale dall’accostamento di diverse circonferenze, che creano altresì corner dedicati alle varie funzioni, quali la postazione cassa, i tavoli per la degustazione e lo spazio destinato all’esposizione delle bottiglie.
progetto enoteca vinos viandas valladolid spagnaQuesto sistema di curvature lignee, proprio come nelle cantine, è diviso da spazi verticali di 15 cm dove vengono collocate orizzontalmente le bottiglie.

Per la realizzazione di questo ambiente sono stati utilizzati principalmente tre materiali quali il legno incurvato, classico delle botti, la pietra traspirante per la pavimentazione, identica a quella delle antiche cantine e gli specchi che dilatano l’ambiente amplificando le “circonferenze”.
progetto enoteca vinos viandas valladolid spagnaQuesto progetto è stato decretato quale pregevole realizzazione con i Premi 2018 A’ Design Platinum ed EuroShop Retail Design.

Design Zooco Estudio
Project manager Miguel Crespo Picot, Javier Guzmán Benito, Sixto Martín Martínez
Collaborators María Larriba
Construction  Nimbo Proyectos S.L
Lighting project Zooco Estudio
Furniture design Zooco Estudio
Photos courtesy Imagen Subliminal

ZOOCO ESTUDIO
Lo Studio di architettura Zooco con sedi in Spagna, a Madrid e Santander è stato fondato nel 2009 dagli architetti Miguel Crespo Picot, Javier Guzmán Benito e Sixto Martín Martínez; i loro progetti spaziano dalla creazione alla ristrutturazione di interni a larga scala nei settori del contract, del retail ed in ambito residenziale.
by AN shopfitting magazine no.145 ©


 

Share this article: