CAPSULA Multi brand Store Budapest.

CAPSULA Multi brand Store Budapest.

📅25 luglio 2012, 08:00

Scopo del progetto era quello di creare un negozio altamente elegante, spazioso ed accogliente: obiettivo che è stato raggiunto con l’impiego della bicromia bianco e nero, e dall’uso di ampie superfici ad arco laccate e luminose.
CAPSULA Store Budapest

Gli architetti ungheresi che hanno sviluppato il progetto –Sandor Gocsei e Eniko Korompay– hanno mantenuto le colonne interne e la struttura portante dell’edificio in un palazzo storico nel centro di Budapest, dando poi, nel rapporto spaziale dell’allestimento, un tocco di contemporaneità. Il negozio, che si sviluppa per 230 mq, offre la sensazione di trovarsi come in uno spazio espositivo: le chiare superfici degli interni, il design bianco, l’illuminazione, sono tutti elementi che sottolineano la vocazione fashion del negozio.
CAPSULA Store Budapest
La semplice cassa cubica sorregge un manichino e lo mostra come se fosse un oggetto d’arte, mentre la “scheggia di vetro” nera che pende dal soffitto dona ulteriore enfasi all’ambiente. Le piccole nicchie incastonate nella parete reinterpretano la tipologia del negozio multimarca: mostrando la lettera “a” del logo e presentando le collezioni di accessori, fra cui quelli di Tom Ford, YSL, Giorgio Armani, Givenchy, Bluemarine e Dolce&Gabbana.
CAPSULA Store Budapest
Il grande incavo a forma di capsula nella parete crea uno spazio esclusivo, come un “armadio”, unicamente dedicato agli articoli da donna di Tom Ford. Il backspace del negozio ha una altezza inferiore al resto degli interni, creando la necessità di collegare gli ambienti nel miglior modo possibile: l’innovativo soffitto Barrisol è venuto in aiuto, così che lo spazio antistante del negozio “scivola” nel backspace mediante un tetto arcuato e lucido, dando origine ad un passaggio soft pur nei diversi rapporti dimensionali.


Progetto Sandor Gocsei, Eniko Korompay – Goske Project
Area 230 mq.
Foto Tamas Bujnovsky

© Pubblicato da AN shopfitting magazine


 

 

 

Share this article: