YOUTOPIA Il richiamo della giungla a Ravensburg

YOUTOPIA Il richiamo della giungla a Ravensburg

📅10 Febbraio 2014, 12:17

ENGLISH VERSION
La sfida.

Youtopia, un luogo da sogno dove tutto è possibile.

Un mondo fantastico in cui si presentano in modo innovativo articoli di abbigliamento eYOUTOPIA Ravensburg, Dan Pearlman si accompagnano i visitatori in un viaggio di scoperta.

Per la prima volta in assoluto, il team della Dan Pearlman si è ispirato ad un’idea fantasiosa e ha trasformato un intero magazzino di quattro piani in una vera e propria avventura che si dipana su una superficie di circa 1000 mq.
Per ottenere questo risultato si è dovuto pensare a un concept uniforme che potesse adattarsi a spazi vendita diversi. Inoltre, è stata concepita nei minimi dettagli una campagna di comunicazione e pubbliche relazioni per solleticare l’interesse dei futuri “Youtopici” nel progetto in corso di realizzazione.

Il team
Quattro piani, tre unità della Dan Pearlman e grande lavoro su ogni singolo particolare, dall’invenzione di una “sceneggiatura” per Youtopia alla realizzazione degli elementi grafici e del design d’interni di questo “pianeta delle scimmie”, tanto per citare alcune caratteristiche di questa impresa. La Dan Pearlman si è occupata anche della stesura dei testi pubblicitari, dello sviluppo di una strategia Facebook e della realizzazione di campagne di comunicazione specifiche per i singoli eventi. In altre parole, quasi tutto il team è stato preso dalla frenesia ‘Youtopica’ e ogni collaboratore ha svolto il proprio incarico per assicurarsi che i visitatori restassero a bocca aperta, sia durante che dopo l’inaugurazione.
YOUTOPIA Ravensburg, Dan Pearlman

YOUTOPIA Ravensburg, Dan Pearlman
La soluzione

Le scimmie sono finalmente salite al potere il 15 marzo 2013, con l’apertura della nuova Bredl Fashion House. Durante il periodo precedente al grande giorno, strani eventi preannunciavano  l’avvento di una nuova attrazione dinamica a Ravensburg. Sagome, murales e impronte scimmiesche, “uomini scimmia” a zonzo per la città e sulla pagina Facebook di Youtopia, tutto per preparare la scena a un’esperienza di shopping coinvolgente, che dà prova del coraggio e del potere innovativo dei noti grandi magazzini Bredl, a livello locale e non solo.

Qui ogni piano, da “Sparkling Jungle” a “Brave New Brainiac” ha la sua storia da raccontare, incantando il suo pubblico di giovani visitatori. Particolari sbalorditivi attendono di essere scoperti dietro ogni angolo, dalla cabina per foto istantanee “Photopia” al “Monkey Lounge” dotato della sua Fliewatüüt (nome di una macchina volante che compare in una popolare serie televisiva tedesca per bambini) personale.
YOUTOPIA Ravensburg, Dan Pearlman
Oltre ai componenti di design d’interni che costituiscono la struttura del progetto, all’aspetto d’insieme contribuiscono anche elementi grafici. Al piano terra i visitatori sono accolti dal manifesto di Youtopia che ricorda la necessità di sfuggire alle “regole”, anche se solo per un po’. Cartelli ed elementi grafici apparentemente creati da scimmie indicano la strada e spingono i visitatori ad addentrarsi sempre più in un mondo di fantasia. Anche per la campagna di comunicazione è stato adottato un approccio analogo: il periodo precedente al grande evento ha visto un conto alla rovescia su Facebook, una cartina con gli avvistamenti dei primati e le loro ultime performance a Ravensburg; infine, il giorno dell’inaugurazione ha rappresentato il clou, con dimostrazioni di parkour e cocktail a tema scimmiesco. È stato realizzato un risultato perfettamente integrato che dimostra il talento e le capacità delle varie discipline creative della Dan Pearlman.
YOUTOPIA Ravensburg, Dan Pearlman

Agenzia Dan Pearlman Markenarchitektur GmbH
Progetto Youtopia
Sede
Ravensburg, Germania
Superficie
ca. 1000 mq
Progettazione interni
Volker Katschinski
Foto per gentile concessione di
Guido Leifhelm

Partner del progetto:
Architetto
Manfred Weisenburger
Arredi
Gerhard König GmbH
Illuminazione
D & L – LICHTPLANUNG
Street Art
Peechbeach

© Pubblicato da AN shopfitting magazine


Share this article: