Nuova location per la boutique MONCLER a Soho, New York

Nuova location per la boutique MONCLER a Soho, New York

📅18 settembre 2018, 18:18

Un legame saldo quello con New York, città che da sempre rappresenta un tassello fondamentale nello sviluppo della strategia globale di Moncler, e che si riconferma oggi con l’importante relocation della Boutique di Soho che si sposta al 99 di Prince Street.

La nuova boutique si affaccia con una grande vetrina su Prince Street, a Soho. Il concept è ancora una volta curato dallo studio francese Gilles & Boissier, da anni partner creativo del brand nell’identificazione di elementi distintivi di interior design e di stile che nel mondo rappresentano Moncler.
boutique Moncler Soho New York

Il nuovo store si sviluppa su due piani con una superficie di vendita di circa 550 metri quadrati. Ogni dettaglio racconta l’heritage del mondo Moncler attraverso un linguaggio assolutamente contemporaneo. Il nero quale leitmotiv domina, con tutto la sua forza e carisma metropolitano, i pavimenti e la boiserie bruciata e contrasta con i marmi bianchi e gli arredi in metallo e pietra.
boutique Moncler Soho New York

Di forte impatto visivo, la scala che congiunge i due piani dedicati alla vendita che abbina metallo e marmo, dalla sfumata e sofisticata alternanza di nuances nella gradazione dei neri e marrone. I mattoni alle pareti e ai soffitti fanno da contraltare ai marmi definendo un’atmosfera in perfetta sintonia con il quartiere newyorkese di Soho.

Il design degli interni della boutique è ulteriormente arricchito da due sculture in bronzo, la prima all’ingresso dell’artista David Nash – le sue opere in metallo esplorano forme fondamentali, o imitano abilmente la superficie delle sue sculture in legno carbonizzate, che vengono poi immerse nel bronzo. Mentre la seconda opera in bronzo realizzata dall’artista e poeta di Pechino Ma Desheng, diventa il punto focale al piano terra. L’offerta della nuova boutique è completa con tutte le linee Moncler Genius e Moncler uomo, donna, bambino e accessori.

Share this article: