RETAIL Fisico oppure Online: questo il dilemma

RETAIL Fisico oppure Online: questo il dilemma

📅10 Settembre 2021, 11:25
ENGLISH TEXT

I primi segnali timidi di ripresa nel retail hanno amplificato ancora di più l’annoso dilemma per chi opera nel settore.

Continuare a puntare sul retail fisico oppure abbandonarlo gradualmente e puntare tutto sul canale online?

In questo periodo si sente abusare spesso della parola omnichannel, ovvero la capacità di un brand di poter esprimere il proprio potenziale sia attraverso punti vendita diretti, attraverso le vendite sul web e la commistione di questi due canali.

RETAIL Fisico oppure Online: questo il dilemma

Non esiste una ricetta e una soluzione sicura, ma serve piuttosto la capacità di interpretare il desiderio dei propri clienti avendo la consapevolezza del potenziale del proprio brand.

A noi della XT Retail non capita così raramente di incontrare clienti che ci chiedono di fare una consulenza in merito all’apertura o meno di punti vendita monomarca.

Come in passato, ma ancora di più oggi, se si è un marchio di produzione e non si nasce come brand di retail puro, il rischio di fare un flop è molto alto.

Fare retail oggi è molto complesso e bisogna avere all’interno del proprio staff delle persone che vengono dal settore e sanno bene come si aprono e si gestiscono dei punti vendita.

Non ci si può, quindi, improvvisare su questo canale se prima non si sono fatte tutte le dovute analisi preventive, verifiche di geomarketing ed uno studio di fattibilità sull’obiettivo di vendita del negozio o della catena.

RETAIL Fisico oppure Online: questo il dilemma

La nostra posizione è abbastanza chiara, in questo momento come in passato, per mantenere il business sul retail fisico bisogna mettere in atto alcune strategie, tra cui:

  1. lo studio di geomarketing e quindi le aperture di punti vendita solo in luoghi altamente strategici
  2. chiusure di punti di vendita laddove non vi sia il presupposto e le prospettive per il prossimo triennio
  3. offrire un servizio ai clienti che attraverso una serie di attività sui social consenta al punto vendita di mantenere un contatto diretto, nonché la capacità di invogliare il consumatore finale a recarsi presso il negozio
  4. investire sugli staff di vendita formando professionisti del settore con un metodo didattico serio e strutturato.

Queste ed altre soluzioni sono le azioni minime che bisognerebbe cercare di mettere in atto fermo restando che al momento risulta molto difficile a tutti gli addetti ai lavori capire come arrestare o rallentare la crescita esponenziale delle vendite sul web.

Il rischio che la vendita online costruisca un sistema di vendita irreversibile esiste soprattutto andando a vanificare quello che già i social fanno da tempo, ossia ridurre il contatto umano tra le persone.

La vendita online comporta sicuramente il miglioramento di alcuni aspetti del commercio, ma va a togliere tutta quella parte più umana, e se vogliamo romantica, di un esercizio commerciale.

I parallelismi degli effetti negativi tra la vendita online e l’utilizzo scriteriato dei social sono abbastanza evidenti.

RETAIL Fisico oppure Online: questo il dilemma

Non c’è dubbio che un consumatore oggi, in particolare se appartiene ad un target di cliente sotto i 40 anni, subisca il fascino, nonché la moda, di acquistare tramite piattaforma web non ritenendo importante la consulenza o il contributo del personale di vendita.

Questo chiaramente è anche influenzato dal fatto che i prezzi delle vendite online sono decisamente più vantaggiosi rispetto alle vendite offline, che in un momento, come questo di post pandemia, pesano ancora di più rispetto al passato.

Per poter quindi ridare al retail fisico la possibilità di continuare a sopravvivere ognuno deve fare la sua parte.

  1. I governi devono cercare di riportare le multinazionali del web ad un livello di concorrenza più equo e sostenibile attraverso una politica di tassazione.
  2. Le aziende di retail devono fare tesoro dell’esperienza negativa dell’ultimo decennio di una serie di aperture scriteriate sul mercato, andando a creare un’offerta ben più ampia rispetto alla domanda ed alle necessità dei consumatori.
  3. Per quanto riguarda i brand che operano nel canale wholesale devono dare la possibilità alle catene multibrand di proporre offerte commerciali e prodotti a prezzi più concorrenziali.
  4. Ed infine serve una politica ed una riforma del mondo del lavoro che consenta alle aziende di poter avere dei costi di gestione più bassi in termini di tasse e un costo dei dipendenti in linea con la situazione economica del paese.

Fatta questa lunga premessa, cosa sta succedendo in questo periodo estivo nel mondo del retail, considerando che le vendite online stanno crescendo in maniera esponenziale e certamente non è interessante in questa fase dedicargli del tempo di lettura?

In base alle nostre conoscenze ed ai nostri clienti quello che emerge è molto evidente e semplice allo stesso tempo.

Molti si stanno adeguando alle attività digitali, cercando di fornire una serie di spunti e di elementi di curiosità che attraggano il cliente verso il punto vendita, iniziando il “corteggiamento” già in remoto per poi completarlo all’interno del punto vendita stesso.

Strumenti come la creazione di chat di Whatsapp con i propri clienti affezionati, la gestione delle pagine Facebook ed Instagram sono ormai all’ordine del giorno all’interno delle mansioni principali degli store manager del 2022.

Grazie a questo i punti vendita cosiddetti full price stanno, lentamente e con gran fatica, riprendendo le attività, mentre, e ciò avvalora quanto scritto sopra, sono gli outlet che cominciano a segnalare risultati decisamente positivi, grazie ad una politica dei prezzi molto aggressiva ed in linea con la disponibilità economica di consumatori.

RETAIL Fisico oppure Online: questo il dilemma

Detto questo non rimane che attendere i risultati delle vendite dei saldi, primo vero appuntamento di verifica commerciale, che ci darà una chiave di lettura un po’ più attendibile.

by Paolo Zanardi XT Retail

by AN shopfitting magazine no.164 ©

Share this article: