Il VISUAL MERCHANDISING per il mondo CASA.

Il VISUAL MERCHANDISING per il mondo CASA.

📅19 febbraio 2016, 16:40

Vendere prodotti  per il settore Home è entrare nei sogni e desideri dei clienti.

La casa è protezione, luogo di affetti e anche di lavoro. Chi vende  articoli per la casa  come i negozi di biancheria e tessuti e/o oggettistica deve proporre una vendita ed un visual merchandising emozionale.
visual merchandising per il mondo Casa

Vendere articoli  per la casa è più intimo che vendere prodotti per la persona, abiti e accessori sono pubblici , comunicano con l’ambiente sociale, mentre le nostre abitazioni rivelano chi siamo, il nostro cuore e il nostro gusto e generalmente è riservato alle persone che amiamo, famiglia e amici.

Il visual merchandiser che vuole specializzarsi in questo settore merceologico deve partire da questo punto. Nell’arredo casa ci sono articoli “freddi” come l’oggettistica,  che non si possono manipolare, dove soprattutto è fondamentale il ruolo delle attrezzature espositive, della tridimensionalità, del colore . Ci sono poi gli  articoli “caldi” come la biancheria per la tavola, che si può esporre in molti modi diversi.

Nel tessile una cura particolare va dedicata a tessuti per arredo casa, venduti anche da confezionare In negozio o in vetrina é opportuno esporre tende già confezionate, poltrone o divani rivestiti per far vedere i prodotti finiti e dare idee al cliente.
visual merchandising per il mondo Casa

Per le vetrine è  molto utile un calendario commerciale che segua la stagionalità e modalità di vendita  del settore. Le vetrine si possono cambiare  con minore frequenza del Fashion, anche una sola volta al mese.

Le vetrine  di una catena trasmettono un’immagine riconoscibile e uniforme. Il  negozio indipendente è quasi sempre  multi-marca,  può  fare vetrine a tema dove convivono marchi diversi, o dedicare una vetrina ad un solo brand.

La scelta dipende dall’analisi del mercato e dall’offerta merceologica. Un consiglio: cercare sempre, anche presentando brand diversi, coerenza di prezzo, stile e target.  Molto efficaci sono  le vetrine  e  i display interni che propongono un  cross merchandising: mix : oggettistica,  biancheria, decorazione.

Una bella tavola con piatti , bicchieri e posate a tema e coordinate,  aiuta il cliente a immaginare , cattura l’attenzione e emoziona. Il visual merchandiser  ha  molti spunti  da riviste di arredo o fiere come Homi.

di Francesca Zorzetto www.milanretailstore.com
Le foto di questo articolo sono protette da copyright ©  Roberta Campione  2016


 

Share this article: