VAN CLEEF & ARPELS Parigi: Creatività, movimento, classe, raffinatezza

VAN CLEEF & ARPELS Parigi: Creatività, movimento, classe, raffinatezza

📅29 Agosto 2016, 08:00
ENGLISH VERSION

Patrick Jouin e Sanjit Manku sono gli architetti della nuova boutique parigina di Van Cleef & Arpels, ispirata a Place Vendôme.

Con i loro progetti, creati utilizzando tecniche tradizionali e tecnologie all’avanguardia, Patrick Jouin e Sanjit Manku, hanno dato vita ad un tipico interno parigino.

I designer, infatti, hanno selezionato il “calcare di Parigi”, come materiale principe per il loro progetto, trattandolo come avrebbero fatto gli artigiani orafi di Van Cleef & Arpels, partendo da una pietra e lavorandola su un preciso design, con creatività, poesia, movimento, classe e raffinatezza.
Van Cleef & Arpels Parigi by Jouin Manku
CREATIVITA’ ULTRAMODERNA
Van Cleef & Arpels e Jouin Manku da molti anni lavorano fianco a fianco, grazie anche alla loro comune passione per la creatività, l’ingegno e innovazione.

Questa relazione, incarnata dalla complicità tra Nicolas Bos (Presidente e CEO di Van Cleef & Arpels) e Patrick Jouin e Sanjit Manku, si riscontra nel design di interni per le boutique della Maison a Hong Kong, New York e Parigi.

I designers hanno organizzato anche cinque importanti mostre dedicate a Van Cleef & Arpels: «The Spirit of Beauty» presso il Mori Arts Center di Tokyo; «Set in Style» al Museo Nazionale di Cooper-Hewitt di New York; «Timeless Beauty» al MOCA di Shanghai; «L’Art de la Haute Joaillerie» al Musée des Arts Décoratifs di Parigi; e da aprile-agosto 2016, Van Cleef & Arpels: «The Art and Science of Gems» a ArtScience Museum di Singapore.

Nel 2016, tutte le attenzioni si sono concentrate su Place Vendôme, un luogo sinonimo dell’eleganza parigina e dell’Alta Gioielleria francese.

Adiacente allo storico indirizzo di Van Cleef & Arpels in Place Vendôme, (rinnovato da Jouin Manku nel 2006), Place Vendôme al 20 presenta una nuova sfida creativa per i designer: basandosi sul concept della Maison, che essi ben conoscono, sperimentano una nuova interpretazione, capace di incrementare il fascino e la meraviglia del prestigioso marchio.

ELEGANZA E RAFFINATEZZA DELLA PIETRA
Per la ristrutturazione è stata suggerita ai designers la lavorazione della materia prima di Place Vendôme, (piazza progettata da Jules Hardouin-Mansart alla fine del regno di Luigi XIV): un perfetto ottagono in pietra, sobrio e geometrico.

In effetti Patrick Jouin e Sanjit Manku hanno lavorato sulla pietra di Parigi, come i maestri orafi, seguendo con precisione un disegno e nel pieno rispetto della creatività del movimento, della raffinatezza e dell’eleganza.
Van-Cleef-&-Arpels-Paris-1
UNA ECCEZIONALE VETRINA PER I PREZIOSI
Per l’esposizione delle collezioni di gioielleria ed orologeria è stata scelta una visualizzazione interna teatrale fatta di una successione di forme curve che si allungano da un’estremità all’altra della boutique.

I colori dei materiali sono soft, ma che ben valorizzano i preziosi: legno di quercia, lana, seta per i tappeti, e tessuto ricamato per i rivestimenti di soffitti e pareti.

Per conferire maggior calore ed atmosfera alla boutique è stata prestata particolare attenzione all’esposizione della gioielleria: in un contesto decorativo scolpito a mano sono presenti scintillanti teche a forma di cupola rifinite in foglia d’oro.
Van-Cleef-&-Arpels-Paris-2
LA SCALA: SENSUALITA’ DELLA PIETRA
All’ingresso, lo sguardo del visitatore è attratto dalla caratteristica maestosa scala, chiave del progetto e, che spesso, caratterizza le realizzazioni dei designers.

La scala accentua lo spazio, infonde una dimensione teatrale ed invita ad ulteriori esplorazioni. Le lavorazioni tecniche delle scale sono completamente nascoste, esattamente come la famosa tecnica del Serti Mystérieux ™ di Van Cleef & Arpels, per dare una lavorazione invisibile alle pietre preziose.

La scala è costituita da sette grandi blocchi di pietra fresata, forata al centro per l’inserimento di un cavo sospeso che ne garantisce la rigidità strutturale, quasi fosse una colonna vertebrale.

Il design del corrimano realizzato in ferro battuto, (altro materiale tipicamente parigino), si ispira alle ali di una farfalla. Pertanto, solidi materiali costruttivi, ma che riescono a conferire un incredibile senso di leggerezza, delicatezza e trasparenza.

La clientela attratta da questa suggestiva forma è incoraggiata ad esplorare anche il piano superiore, dove una serie di saloni ricordano le abitazioni parigine. Ai piedi della scala invece, prende posto un alto supporto ovale dalla cupola in vetro arrotondata che risplende per i gioielli ivi contenuti.

ATMOSFERA ELEGANTE E MAGNETICA
Al piano superiore, a contrastare la presenza della pietra e del ferro battuto, gli architetti hanno usato una palette di colori che vanno dai toni del grigio al beige, al verde mare.

Le vetrine ed i soffitti sono stati decorati da arabeschi scolpiti su gesso o pietra: gli stessi disegni, ispirati da Van Cleef & Arpels e che si riscontano nei pannelli ricamati alle pareti e nelle parti più alte della boutique; le varie stanze, in successione, presentano grandi finestre riquadrate in stucco che si affacciano sulla famosa piazza di Parigi, con la sua statua equestre.

Un intrico di affreschi di rami, foglie, uccellini e stelle si protende in modo naturale verso le finestre. Lungo i corridoi sono disposte le teche appositamente realizzate per custodire le eccezionali collezioni del marchio di gioielli. Questa elegante atmosfera è ulteriormente rafforzata dall’arredamento, anch’esso espressamente creato dai designers.
Van-Cleef-&-Arpels-Paris-3
LA PRECISIONE DELL’ARTE ORAFA
Obiettivo del progetto è stato quello di re-interpretare i classici ambienti parigini nei quali potersi immergere in una calda atmosfera di ospitalità.

I locali storici della Maison sono stati trasformati in aree dedicate al mondo di Van Cleef & Arpels: luoghi in cui scoprire l’affascinante storia del marchio di alta gioielleria.

Pertanto, il progetto di interni è stato concepito in equilibrio con la ricca tradizione e l’innovazione contemporanea, impiegando uno staff di professionisti nei lavori di precisione (stuccatori, scalpellini, fabbri, carpentieri) per realizzare esclusive opere di design.

UN PROGETTO PER TALENTI
Al pari delle creazioni orafe di Van Cleef & Arpels anche i designers Jouin e Manku hanno esibito tutte le loro capacità ed abilità per la creazione di questa fantasmagorica boutique, che ha visto impegnati anche maestri professionisti, in grado di creare un vero “scrigno porta-gioielli” in un regno contemporaneo nel perfetto stile parigino.

Agence Jouin Manku
Patrick Jouin and Sanjit Manku, Jong Kim, Elodie Martin, Tania Cohen, Charles Pons, Julien Lizé
www.patrickjouin.com
Site architect SLA Architecture
Lighting Design Voyons-voir
Contractors
Stone stair Atelier Jean-Loup Bouvier
Wrought-ironwork AOF
Plasterwork Sofrastyl
Fit-out/ Furniture Gendre
Furniture SPB
Embroidery Stéphane Corler
Gilding Goard
Parquet Rocacher
Electrics, lighting Henri
Main contractor Lefaure et Rigaud
Photos courtesy Eric Laignel
by AN shopfitting magazine no.134 ©

Share this article: