Progetto showroom BVONO JAY, Matera.

Progetto showroom BVONO JAY, Matera.

📅09 Gennaio 2020, 11:47
ENGLISH TEXT

Il progetto, firmato dallo Studio di architettura Alessandro Fontana, è uno space upgrade di una delle più importanti realtà commerciali nel settore dell’abbigliamento del materano, Bvono 1926.

progetto showroom Bvono Studio architettura Alessandro Fontana

Lo showroom di via XX Settembre si trova in un edificio storico degli inizi del ‘900: Palazzo Manfredi, famiglia legata alla storia della città sin dal 1600.

In questo contesto, il progetto nasce dall’esigenza di trasformare il piano terra di un palazzo novecentesco in un’attività commerciale aperta al pubblico. Gli spazi del palazzo, anche se da tempo in disuso, conservavano un fascino e un carattere meritevoli di un attento e delicato restauro e di un progetto che ne valorizzasse gli elementi senza che inutili esercizi di stile prendessero il sopravvento.

progetto showroom Bvono Studio architettura Alessandro Fontana

Pochi e precisi elementi architettonici volti ad affiancare la modernità del nostro tempo alla storicità del luogo. Così, dal ferro, dal vetro, dal legno e dall’illuminazione prendono forma i ‘’nuovi segni’’ che ridisegnano e valorizzano gli ambienti, generando il supporto espositivo necessario, senza prendere il sopravvento, lasciando che i luoghi, l’atmosfera ed i prodotti creino tra loro un equilibrio elegante e unico nel suo genere.

progetto showroom Bvono Studio architettura Alessandro Fontana

STUDIO ARCHITETTO ALESSANDRO FONTANA

Lo Studio ha sede a Matera, Italia, ed opera nel settore del design industriale, e dell’architettura di interni. Collabora con molteplici brand nazionali ed internazionali, sia per quanto riguarda la creazione di prodotti che l’ingegnerizzazione degli stessi. Caratteristica dei suoi progetti sono l’abbinamento e l’accostamento di materiali naturali, a forme nette ed essenziali, avendo come comune denominatore progettuale, un design riconoscibile nel tempo.

by AN shopfitting magazine no.154 ©

Photos courtesy Pierangelo Laterza


Share this article: